eliMi chiamo Elisa, sono nata a Faenza il 28 aprile 1975, ma ora vivo a Brunate, un paesino sopra a Como, da cui si vedono il lago e il monte Rosa.

La mia bizzarra famiglia è composta da un fidanzato molto paziente, tre gatti molto viziati e la piccola Maia, nata a fine novembre 2015. La stanza più vissuta della casa, non è il salotto, ma la cantina. Piccola, buia, umida e polverosa, pare che sia il luogo ideale per il brainstorming, cosa c’ è di più stimolante di un fatiscente muro bianco? In cantina si può creare, pensare, parlare da soli o litigare con un pezzo di creta, tutto sotto gli occhi preoccupati di qualche gatto, che sonnecchia in una scatola di cartone.

Nella mia cantina ci sono scaffali pieni di sculture finite, da colorare, da cuocere, da completare, ci sono smalti brillanti, polveri colorate e una vecchia bilancia a piatti … ma anche gli zaini da montagna e gli scarponi, corde e moschettoni, perché dopo aver passato ore e ore nella penombra, ho bisogno di libertà, ossigeno, muscoli stanchi e fatica. Se il mio primo amore è la creta, il secondo sono i sassi, la montagna … in fondo, sempre di terra si tratta.

Sulle pareti della cantina ci sono mille progetti, foglietti scarabocchiati, ricette di smalti, sogni buttati sulla carta, viaggi che forse un giorno farò, fotografie di luoghi lontani.

Faccio sculture da quando avevo 20 anni, poi mi sono appassionata alla ceramica, alla creazione degli smalti e ho imparato ad apprezzare i semplici oggetti funzionali come le tazze e le teiere. Ora ho scelto di far diventare la passione un lavoro e così è nato questo sito, “le Terre Storte”, dove sono presenti opere vecchie e nuove. Per capire chi sono, non bisogna fare altro che guardare, è tutto lì, in ogni pezzo, nel più piccolo particolare.

Sono la somma di tutte le cose che ho fatto, delle esperienze che ho vissuto, delle scelte giuste e sbagliate, delle persone che ho conosciuto, di quello che ho detto e non detto, dei km fatti a piedi, delle cime raggiunte e dei numerosi errori. Storta e in continua evoluzione, irrimediabilmente imperfetta, come le mie Terre.

Per vedere come ho iniziato: Le sculture
Per conoscermi meglio ed essere sempre aggiornato su quello che faccio, seguimi su Facebook, su Instagram o su Pinterest
Per saperne di più sulle imperfezioni, sulle attività del mio laboratorio a Como e sulla mia teoria del “se ti piace è perfetto”: Le Imperfezioni e consulta il mio blog